C

CENTRO D’ARTE SAN VIDAL – VENEZIA – U.C.A.I.

SCOLETTA DI SAN ZACCARIA

17/09/2009 – 15/10/2009

Due foto così diverse, queste di Giuseppe Rubini: un campo fiorito sembra un inno alla gioia; la laguna deserta e abbandonata con una bricola che è il pianto della solitudine.  Poi le guardi di nuovo e scopri la tristezza degli alberi cupi dello sfondo e una luce chiara, consolatoria, che illumina la laguna nell’altra.  E’ una verità dell’animo umano, felicemente colta da questo obiettivo.

Bruno Rosada

Il fotografo si affaccia alla natura e ne coglie l’affetto più segreto.  In The Spring’s Colours e Fishing in the Lagoon ci da un saggio del suo saper controllare il mezzo meccanico, ma pure la capacità di cogliere l’attimo fuggente di un respiro ambientale.

Giorgio Pilla (Gente Veneta n. 38, 03/10/2009)

Le sue fotografie realizzate con tecnica sapiente, divengono autentica pittura capace di suscitare straordinarie evocazioni nell’animo.  La sconfinata distesa di fiori e il surreale silenzio lagunare toccano le corde più recondite del cuore, lo attraggono irresistibilmente verso il mistero infinito.

Francesco Valma (Corriere della Sera ed. Veneto 26/10/2009)

Giuseppe Rubini sa sensibilizzare l’obiettivo al punto da trasformarlo in antenna capace di cogliere le sospese velature armoniche che aleggiano sui paesaggi ripresi.  Il risultato si fa visione poetica colma di un rappreso senso panico della natura.

Ezio Danesini (La Nuova di Venezia e Mestre, 09/10/2009)

Alcune suggestive fotografie per questo Autore che racconta il silenzio e la quiete della laguna veneziana. In particolare emerge la bellezza in controluce di alcune bricole.

Gabriella Niero

Non sono presenti commenti